Logo di FIN Veneto

HOME  >  Addio a Gianni Gross: un faro per il nuoto veneto.

Google

Federazione Italiana Nuoto

Iscriviti ai Corsi del Settore Istruzione Tecnica



Google+

News

Addio a Gianni Gross: un faro per il nuoto veneto.

Addio a Gianni Gross: un faro per il nuoto veneto.03/08/2016 ]

Era malato da tempo. Dopo una difficile operazione al cuore subita quasi tre anni fa, non si era mai del tutto ripreso. E nel pomeriggio di mercoledì 30 giugno, all’Hospice Francescon di Portogruaro, dov’era ricoverato da qualche mese, Gianni Gross si è spento all’età di 74 anni, ci ha lasciati dopo aver sofferto a lungo per tre anni difficilissimi.

Praticamente da sempre, a Padova ma non solo, il suo nome era sinonimo di nuoto. Nato in Germania, a Berlino, ma presto trasferitosi all’ombra del Santo, la sua è stata una carriera trasversale, da allenatore e scopritore di Novella Calligaris a dirigente (presidente del Team Veneto), manager, rappresentante nella Len e gestore di impianti, tutto questo dopo aver nuotato a lungo: fu settimo con la staffetta mista ai Giochi di Tokyo ’64, poi 11 volte campione e primatista italiano nei 100 e 200 rana. Partecipò da tecnico anche ai Giochi ’84 e agli Europei ’83 e ’85. Nella sua bacheca vantava da allenatore 3 medaglie olimpiche, 2 titoli mondiali e oltre 200 titoli tricolori da dirigente del club. Diede una grande mano alla macchina organizzativa dei Mondiali 2009 di Roma.

“Per formare una buona squadra è necessario far crescere il nostro vivaio – spiegava Gross -, non è sufficiente raccattare atleti dagli altri club. È un lavoro che ripaga a lungo termine ma solo così possiamo fare il bene del nuoto contribuendo a crescerne i numeri e la qualità, le grandi squadre e i grandi campioni”.

Gross lascia tre figli: Silvia, ricercatrice di Chimica all’Università di Padova; Elisabetta, pure lei ricercatrice d’Informatica a Madrid; e Federico, gestore di impianti natatori e collaboratore FIN.

«Se n’è andato un amico del nuoto, un tecnico competente, un dirigente dall’alto valore umano e sportivo - commenta il presidente nazionale della Federazione italiana nuoto Paolo Barelli. Gross ha caratterizzato alcuni decenni del nuoto azzurro prima da atleta e poi come tecnico e manager sempre da protagonista. Aveva doti superlative, era un grande lavoratore sempre in prima linea per lo sviluppo e la crescita del movimento acquatico. Persone come lui sono insostituibili».

Una grave perdita per il movimento. Alla famiglia, le condoglianze. Ciao Gianni: ci mancherà il tuo stile.

il Presidente della FIN CRVeneto Roberto Cognonato e tutta la FIN Veneto.


Lunedì 4 luglio alle ore 19.00 presso gli impianti Padovanuoto, il mondo del Nuoto e dello Sport si ritrova per salutare il Presidente Gianni Gross con un brindisi aperto a tutti.

Gestisci una società?
Devi iscrivere i tuoi atleti alle manifestazioni?

Accesso all'area di amministrazione Opzioni
Spiegazioni delle funzionalità del portale   Stampa la pagina corrente   Imposta testo normale   Imposta testo ad alta leggibilità

NUOTO+ Power Swim Camp

Associazione Cronometristi Venezia

Oggi Treviso Logo

Assonuoto.com

Wela.it

Privacy - Cookie